Oscillazioni viste da una economista

Questa nota prende spunto da alcuni dei cambiamenti che stanno investendo il lavoro autonomo di seconda generazione e che la Imbergamo passa in rassegna nel saggio pubblicato su questo stesso numero. La nota si concentra, in particolare, sui cambiamenti che originano dal ritorno in auge del lavoro a cottimo, seppure in forme nuove e mediate dalla tecnologia. La discussione esplora poi  le conseguenze del progressivo diffondersi di metodi di remunerazione di tipo torneale laddove pochi vincitori  si accaparrano guadagni smisurati lasciando che gli altri partecipanti si spartiscano i residui.

Parole chiave: lavoro autonomo, lavoro a cottimo, sistemi di remunerazione winner-take-all

This short note builds on some of the concerns raised by Imbergamo in her contribution to this journal issue besetting the current generation of self-employees. It focuses, in particular, on a noticeable swing back in favour of piece rate system facilitated by digital technology, and an equally noticeable swing forward in favour of winner-take-all systems of payment facilitated by globalization. Both swings, it is argued, are shaping working conditions, work ethic and earnings among the self-employed.

Keywords independent work, piecework, reward systems wimmer-take-all



Avatar

insegna Economia del Lavoro e Microeconometria presso l’Università di Siena. Ha conseguito il dottorato in economia presso l’Università di Cambridge (Regno Unito). Nella sua lunga collaborazione con la Comunità Europea ha acquisito un’esperienza pluridecennale di coordinatore scientifico di reti di esperti su temi del mercato del lavoro e dell’uguaglianza di genere. E’ membro fondatore del portale ‘inGenere’ (www.ingenere.it).


'Oscillazioni viste da una economista' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni