Europei e combattenti I foreign fighter dello Stato Islamico

Abstract

Sono chiamati con il nome di foreign fighter quei cittadini europei o occidentali che hanno deciso di abbandonare il proprio Paese di origine per aderire alla Guerra Santa dichiarata dal Califfo Abu Bakr al-Baghdadi in Siria ed in Iraq. La maggior parte di loro proviene dalla Francia, Regno Unito, Belgio, Olanda, Finlandia, Norvegia, Irlanda e Danimarca e pare possibile che molti di loro si siano avvicinati al fondamentalismo islamico nelle carceri o in contesti anche molto lontani dai centri religiosi come le palestre o le manifestazioni più o meno clandestine di solidarietà nei confronti dei “fratelli” o dei mujaheddin siriani, palestinesi o iracheni. Con il presente lavoro si intende ripercorre le dinamiche che hanno comportato l’emersione di un fenomeno del genere e analizzare le azioni dei diversi Paesi europei volte sia alla persecuzione dei foreign fighter europei che alla gestione dei rischi in Europa derivanti dalla libera circolazione dei combattenti.

The name foreign fighter is given to those European or Western citizens who have decided to leave their home country to join the Holy War declared by the Caliph Abu Bakr al-Baghdadi in Syria and Iraq. The greatest part of them comes from France, UK, Belgium, Holland, Finland, Norway, Ireland and Denmark and they might have approached the Islamist movements in jails or in settings that are very different from religious centers like gyms or demonstrations in favor of the Syrian or Palestinian “brothers” and mujahidin. This work aims to summarize the originating dynamics of this phenomenon and to present the European States’ actions that intend to prevent the risks of this threat

Acquista questo articolo


Avatar

Michele Gradoli si è laureato presso il Dipartimento di Giurisprudenza LUISS “Guido Carli” in Diritto Internazionale con una tesi sulla tutela dei diritti umani nell’Ue. Nel giugno 2013 ha concluso il dottorato in Studi Politici presso l’Istituto S. Pio V di Roma con una tesi sui modelli di integrazione sociale per le città italiane. Dal 2009 al 2013, ha collaborato con l’ufficio Cittadinanza europea del Dipartimento di Politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri. È cultore della materia di Diritto pubblico comparato presso il Dipartimento di Scienze Politiche LUISS “Guido Carli”, dove, dal 2011, è titolare di un contratto integrativo presso la cattedra di Diritto Pubblico Comparato.


'Europei e combattenti I foreign fighter dello Stato Islamico' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni