Educazione formale e non formale e identità linguistica dei profughi siriani in Turchia

Il saggio presenta una panoramica relativa alla risposta alla crisi siriana in campo educativo con particolare riferimento alla questione dell’identità linguistica dei profughi siriani. Il focus del contributo è la situazione dei circa tre milioni e mezzo di profughi siriani in Turchia. Il ruolo delle organizzazioni non governative è centrale soprattutto a livello locale. Il caso presentato è quello delle attività di Amal for Education al confine turco-siriano.

Abstract. This essay presents an overview of the response to the Syrian crisis offered in the educational field with particular reference to the issue of linguistic identity of Syrian refugees. The focus will be on the stand of about 3.5 million Syrian refugees in Turkey. In the present state of affairs the role of non-governmental NGO’s is particularly relevant at a local level. The case of Amal for Education and its activities on the Syrian-Turkish border is presented.



Avatar

docente di Linguistica generale all’Università di Roma “La Sapienza”. Ha scritto tre libri e curato 5 volumi e pubblicato più di 70 articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali. Ha fondato nel 2014 Amal for Education, organizzazione umanitaria per il sostengo di rifugiati e persone bisognose. In particolare si occupa di sostegno ed educazione di profughi siriani in Turchia.


'Educazione formale e non formale e identità linguistica dei profughi siriani in Turchia' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni