Editoriale

In occasione del numero sul Il Teatro della democrazia (Leussein 2016) avevamo chiesto alla più giovane della redazione di intervistare Tullio De Mauro, l’illustre linguista scomparso circa due anni fa. Trovammo infatti interessante l’idea di far incontrare due generazioni di studiosi italiani (lontane e diverse per tempi, modi e contesto formativo), per discutere di lingua, istruzione e democrazia del nostro paese.

Già dall’esito di quel colloquio avevamo capito non solo che avremmo dovuto approfondire il tema trattato dedicandogli lo spazio di un intero numero ma soprattutto che a curarlo sarebbe stata proprio la stessa intervistatrice, Roberta Pasqua Mocerino. Giovane filosofa del linguaggio dalle ampie vedute, come dimostrano i campi delle sue ricerche che vanno dagli studi post-coloniali e di genere, alla storia delle teorie linguistiche fino all’antropologia, Mocerino ha dalla sua l’aver già maturato un’esperienza sul campo della scuola secondaria; una prospettiva che le ha permesso di intrecciare e mettere a fuoco indirizzi teorici e dimensione pratica dei problemi della formazione. Se a questo si aggiungono i preziosi suggerimenti che la compianta Paola Di Cori è riuscita a darci nei mesi in cui ha potuto seguire i lavori redazionali, e di cui la curatrice ha fatto davvero tesoro, si può comprendere quanto ricco, complesso e articolato possa essere il numero che il lettore si trova davanti.

Lasciando alla curatrice il compito di tracciare e spiegare nella sua introduzione il percorso del numero, a noi preme segnalare in aggiunta l’intervista a Daniela Pompei, responsabile della Comunità di Sant’Egidio per i servizi agli immigrati, rifugiati e Rom (Educare a costruire la pace. I corridoi umanitari, la scuola e l’immigrazione), una comunità che dai doposcuola nelle baracche romane del ’68 è arrivata a diffondere un modello di integrazione (la Scuola della pace) nelle periferie estreme del mondo, in Africa, in America Latina;e, nella sezione approfondimenti,  l’articolo di Luca Sinibaldi sullo scritto di Jaques Lacan “Kant con Sade”, in cui il lo psicanalista francese analizza la ‘perversa’ divaricazione etica verificatasi nella seconda metà del Settecento tra ragione e desiderio del corpo, per spiegare le dinamiche del processo di soggettivazione contemporaneo così importanti nella clinica psicanalitica.

Prima di lasciarci, una breve chiosa sul titolo ad effetto che abbiamo scelto per questo numero. Oltre a stigmatizzare e fotografare lo stato dell’arte del rapporto tra democrazia e formazione del cittadino in Italia, Repubblica analfabeta, vuole omaggiare l’ultimo contributo che Tullio De Mauro ha generosamente concesso a Leussein, in occasione della presentazione del numero già citato, una relazione (reperibile sul canale Facebook del nostro editore) che volle intitolare “Da Platone agli analfabeti”.

Buona lettura!



Leussein
About Leussein

Leussein (nasce nel 2008) in greco antico significa vedere cose luminose che suscitano emozione forti (stupore, gioia o timore) ma anche vedere lontano e vedere per i primi il futuro. Secondo Bruno Snell, il suo significato è simile a quello del tedesco schauen che si ritrova nel Faust "saper guardare è la nostra missione". Anche il logo che abbiamo scelto allude ad un libero procedere in mare aperto sorretto però da uno sguardo attento e lungimirante, insieme alla convinzione che, come dice Hegel, “il mare libero rende libero lo spirito”.

Avatar

Direttore editoriale della rivista Leussein, si è laureato in giurisprudenza (La Sapienza) e in filosofia (Gregoriana), e ha conseguito il dottorato di ricerca in filosofia della politica (La Sapienza). E' stato ideatore, coordinatore ed editorialista della Rivista della Scuola superiore dell’economia e delle finanze dal 2004 al 2006. Ha scritto diversi saggi e ha collaborato con diverse Università (Sapienza, Gregoriana, Lateranense, UPRA) e istituti di ricerca (Istituto italiano filosofici di Napoli - Scuola di Roma, Studi politici San Piov). I suoi percorsi di ricerca si snodano negli ambiti della filosofia ebraica, la teologia politica, gli studi postcoloniali e la teoria della comunicazione. Di recente ha pubblicato "Élites tra nonluoghi e nuovi media: l'esperimento politico italiano dei Meetup" (Apes 2016). Attualmente sta lavorando ad un saggio su "Franz Rosenzweig e i miracoli della Stella".


'Editoriale' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni