Da Cadmo al Califfo. Donne, uomini, immagini di guerra

Leussein nel suo ‘codice genetico’ ha il compito di osservare fenomeni luminescenti che sorprendono e incutono timore al tempo stesso, per questo non potevamo non affrontare la questione dell’incredibile successo mediatico e militare che un ben organizzato gruppo di fondamentalisti salafiti sta riscuotendo nella zone a confine tra Siria e Iraq, lì dove sta nascendo un nuovo stato: l’IS. Ciò che più sorprende di questi miliziani è la loro abilità sia nel comunicare sia nel conquistare e mantenere terreno.
Sono due aspetti che si tengono e si rafforzano insieme, lasciando intravedere una strategia ben delineata: non si conquista e difende uno spazio fisico se non si conquista e alimenta uno spazio immaginario. Le immagini di guerra sono reali quanto le donne e gli uomini che la combattono. Lo sanno bene i combattenti dell’IS come le guerriere curde che si contendono Kobane. Il loro destino si gioca sul confine della città e dei suoi quartieri quanto sul confine dell’immaginario e delle notizie che lo alimentano.

Una guerra ‘epica’ tutta moderna, in cui vince chi sa meglio narrare le proprie gesta sia all’interno della propria fazione sia all’esterno. Serve motivare ideali e fare proseliti, come convincere potenziali alleati e screditare quelli avversari, e per far questo è essenziale essere padroni della teoria della comunicazione, della tecnologia digitale dove l’immagine di un episodio secondario e periferico può essere assai più efficace della vittoria di una battaglia decisiva non opportunamente documentata. Questa abilità mediatica dei combattenti della guerra irakeno-siriana rievoca il mito di Cadmo, il re che dopo aver sconfitto il drago riesce a fondare Tebe istruendo dei soldati attraverso la più innovativa tecnologia dell’epoca: l’alfabeto fonetico fenicio. Secondo Mc Luhan, sarà proprio l’introduzione di questa tecnica comunicativa a fare la differenza socio-politica tra la nascente cultura Greca e il mondo egizio, tanto legato a caste di sacerdoti e scribi. L’uomo in arme che comunica attraverso l’alfabeto diventa il perno di un esercito più agile e più efficiente che può fare a meno dell’ingombrante e limitante comunicazione dei papiri. Se dunque l’introduzione di nuove tecnologie comunicative in contesti bellici, secondo il teorico dei media Mc Luhan, è stata così importante nella evoluzione della storia greca, dobbiamo aspettarci altrettanti epocali mutamenti dalla guerra per immagini che stanno combattendo donne e uomini nell’infuocata terra dell’antica Mesopotamia?

Ecco l’analogia su cui abbiamo voluto incardinare questo numero, e per istruirlo abbiamo pensato di fare una ricognizione storica a partire dal mito di Cadmo (“Lo scontro necessario. Cadmo contro il drakon per la nascita di Tebe” di R. Viccei) per approfondire la forza evocativa che aveva nell’antica Grecia la retorica per ‘immagini’ (“Filippo II di Macedonia e l’immagine della guerra contro la Persia” di A. Brambilla e “Guerra e immagini nell’Antica Grecia” colloquio con H. van Wees) e confrontarla con la strategia mediatica adottata dall’IS oggi (“La comunicazione al nero: terrorismi, spionaggi e strategie“. Colloquio con Paolo Fabbri) e la forza seduttiva che ha sul nostro immaginario (“Europei e combattenti I foreign fighter dello Stato Islamico” di M. Gradoli). Abbiamo poi voluto perlustrare campi meno battuti dalla ricerca come il ruolo dell’immaginario sulle combattenti attraverso una breve rassegna storica (“Soggettività silenziate: femina sacra, stereotipi e violenza di genere in tempi di guerra” di P. Di Cori e R. P. Mocerino) e delle difficoltà che incontrano le donne resistenti nelle aree del medio oriente fortemente ‘colonizzate’ (“Donne palestinesi: Femina sacra e decolonizzazione di genere” di R. Lentin). Infine, abbiamo pensato di soffermarci sulla stretta analogia tra Cadmo e il Califfo mutuata da Mc Luhan sia dal punto di vista della teoria della comunicazione (“II Califfo, Cadmo e Mc Luhan: l’uomo in arme come metafora attiva” di G. Sacco) sia sul piano più strategico militare (“La guerra mediatica del Califfo partendo da Mc Luhan“. Colloquio con il Generale Fabio Mini).

Al lettore giudicare se la scelta di questo vertice prospettico sia stata lungimirante e quanto sia riuscita poi l’ispezione sul campo. Noi possiamo dire che è stato un lavoro complesso, avvincente e senza dubbio formativo perché frutto di un inedito lavoro di gruppo. Per la prima volta, infatti, dopo 7 anni, Leussein non solo ufficializza il proprio prestigioso comitato scientifico, ma si rinnova allargando la redazione grazie all’arrivo di giovani studiosi, di ricercatori e docenti di diverse discipline. Novità che ha stimolato tra l’altro anche la ristrutturazione del sito internet attraverso il quale si spera di arricchire e prolungare la discussione oltre l’ambito strettamente redazionale con il contributo diretto dei più appassionati lettori. In questa ottica, lanciamo un invito ufficiale a tutti gli studiosi a voler partecipare al primo numero del 2016 che avrà per oggetto il rapporto sempre più problematico e conflittuale tra i moderni processi di soggettivazione e i tradizionali legami sociali: “singulus vs socius?“. La questione è quella di capire in quali modi stia cambiando e/o declinando la classica dimensione partecipativa e sociale della politica (partiti, sindacati…), di fronte alle forme inedite di azione e di aggregazione collettiva emergenti, complici i nuovi sistemi di comunicazione.

Prima di lasciarvi, vi anticipiamo l’argomento del prossimo numero (3/2015): “Il teatro della democrazia”.

Buona lettura!


Avatar

Direttore editoriale della rivista Leussein, si è laureato in giurisprudenza (La Sapienza) e in filosofia (Gregoriana), e ha conseguito il dottorato di ricerca in filosofia della politica (La Sapienza). E' stato ideatore, coordinatore ed editorialista della Rivista della Scuola superiore dell’economia e delle finanze dal 2004 al 2006. Ha scritto diversi saggi e ha collaborato con diverse Università (Sapienza, Gregoriana, Lateranense, UPRA) e istituti di ricerca (Istituto italiano filosofici di Napoli - Scuola di Roma, Studi politici San Piov). I suoi percorsi di ricerca si snodano negli ambiti della filosofia ebraica, la teologia politica, gli studi postcoloniali e la teoria della comunicazione. Di recente ha pubblicato "Élites tra nonluoghi e nuovi media: l'esperimento politico italiano dei Meetup" (Apes 2016). Attualmente sta lavorando ad un saggio su "Franz Rosenzweig e i miracoli della Stella".


'Da Cadmo al Califfo. Donne, uomini, immagini di guerra' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni