Colette, cronista della Grande Guerra Da Les Heures longues (1917)

Introduzione

Presentiamo nella rubrica degli inediti e rari alcune pagine tratte dalla raccolta di articoli scritti tra il 1914 e il 1917 da Colette (1873-1954) per quotidiani francesi, da lei pubblicati un anno prima della fine della guerra con il titolo Les Heures longues e non ancora tradotti in italiano.

Considerata da Julia Kristeva “uno dei geni femminili del XX° secolo”, Colette ha rappresentato un modello di donna libera da ideologie e pregiudizi, talvolta scandalosa, artisticamente versatile, grande scrittrice, politicamente ambigua. Oltre alla attività di romanziera, attrice, organizzatrice di eventi teatrali, critica cinematografica e altro ancora, fu una giornalista originale e prolifica (nel corso della sua vita pubblicò circa 1260 articoli su quotidiani e settimanali francesi). Cronista attenta ai cambiamenti della vita quotidiana cercò sempre di mantenersi fedele nel riportare soltanto “ciò che aveva visto con i propri occhi”, senza abbellimenti né voli fantasiosi; il suo motto era: “voir et non inventer”, e a questo si attenne nei suoi reportages dal fronte. Tra le poche giornaliste donne mandate sui luoghi del conflitto a fuoco – come in un suo celebre articolo su Verdun, quando scoppia la guerra ha già 42 anni ed è una scrittrice e giornalista nota, assai apprezzata per la capacità di concentrarsi su episodi e protagonisti in apparenza poco appariscenti. Dotata di una scrittura scorrevole e ricca di arguzie, in quegli anni collaborò regolarmente con i parigini “Le Matin”, “Excelsior” e “L’Éclair”; scrisse anche in maniera occasionale, con articoli su argomenti molto diversi, per “Flambeau”, “Pays de France”, “La Vie parisienne”, “Figaro” e altre testate. Le donne rimangono un immancabile soggetto della sua scrittura.

Le pagine dall’Italia – da Roma e da Venezia negli anni 1915-17 – sono tipiche del suo stile preciso e solo in apparenza leggero. Prevale un gusto per la descrizione delle strade, le piazze e le trattorie della capitale dove gusta Chianti e Frascati. L’interesse principale è per i luoghi dove regnano gli amatissimi gatti: padroni e signori notturni del Foro Traiano, sono loro “i cittadini dell’ultima repubblica romana”.

* * *

Per consultare l’inedito contattare l’editore http://epaper.eurom.it/index.php/leussein/

* * *

Letture consigliate

– Colette, Les Heures longues, Paris, fayard, 1917. Il testo si può leggere in rete.

Colette journaliste. Chroniques et reportages 1893-1955, a cura di Gérard Bonal e Frédéric Maget, Paris, Seuil, 2010.

Colette. Une Parisienne dans la Grande Guerre, 1914-1918, Paris, L’Herne, 2014.

– Julia Kristeva, Colette. Vita di una donna, Roma, Donzelli, 2004.

– Julia Kristeva, Colette. Un genio femminile, Milano, O barra O, 2012.

[Introduzione di Paola Di Cori e traduzione di Marina Tartara]



Avatar

è nata e cresciuta a Buenos Aires. E’ stata docente di studi culturali e studi di genere all'università di Urbino fino al 2009. Ha insegnato presso altre università italiane (Sapienza, Torino); è stata spesso Visiting Professor presso università all’estero (Harvard, Londra, Sydney, Buenos Aires) e ha pubblicato una grande quantità di saggi su temi relativi agli studi culturali, la didattica della storia, la storia del femminismo e gli studi di genere. Diverse pubblicazioni recenti riguardano l’opera di Michel de Certeau; dal 2009 cura una homepage dedicata a questo studioso francese contemporaneo di Foucault (www.micheldecerteau.eu). Fa parte della redazione di “Leussein” e del gruppo “Lo sguardo paziente” di riflessione su medici e pazienti in contesto oncologico.

Avatar

Nata a Roma il 22.10.1936. Laureata in scienze economiche. Ha lavorato alla RAI dal 1959 al 1995 (ufficio studi, segreteria del CDA, rete2TV,Radiotre). Per Laterza ha tradotto dal francese e dall’inglese vari libri di storia greca e romana e di storia delle donne.


'Colette, cronista della Grande Guerra Da Les Heures longues (1917)' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni