0

Graziadio Isaia Ascoli, dalla “Relazione al IX Congresso Pedagogico Italiano” 1874

L’insegnamento teorico della lingua mediante la grammatica è opportuno nelle scuole elementari? Ammesso che si riconosca tale, non sarebbe però conveniente riservarlo al corso superiore? 1. La questione si può ragionevolmente riassumere nel semplice quesito se s’abbia o non s’abbia a adoperar la grammatica nell’insegnar la lingua nazionale agli allievi delle scuole elementari, è per…

0

Maria Rosa Ciccopiedi, Marisa Paolucci e Valeria Lamboglia “Una scuola differente . Il ruolo della funzione educativa nel primo ciclo di studi per il contrasto al fenomeno del bullisimo”.

È del parlare comune dire che la scuola dovrebbe essere differente. Ognuno di noi ha vissuto traumi, più o meno importanti, e ingiustizie, sia da parte dei compagni di classe che dei docenti; eppure negli anni anche se tenta di trasformarsi – cercando di rincorrere i tempi che cambiano, di adeguare linguaggi e modalità di…

0

Ernesto Laclau, “Marxismo e populismo”

Rispondendo alla prima domanda Ernesto Laclau ci tiene subito a precisare che i suoi genitori erano ammiratori di Hipólito Yrigoyen – il due volte presidente dell’Argentina che nei primi decenni del secolo scorso ha combattuto contro i conservatori a favore delle classi lavoratrici più deboli, conquistando il suffragio universale maschile – e che quindi un’aria…

0

Luigi Antonello Armando e Marianna Bolko “Il trauma dimenticato”

Il Libro di Luigi Antonello Armando e Marianna Bolko (Il trauma dimenticato, Franco Angeli, Milano 2017, pp. 268) si muove su diversi registri che si incrociano sul comune problema di storicizzare la figura di Sigmund Freud e di interrogarsi su un futuro possibile per la psicanalisi. L’Interpretazione dei sogni del 1897 appare all’autore come un…

0

Carmine Di Sante, “Dentro la BIBBIA. La teologia alternativa di Armido Rizzi”

      Pensare dentro la Bibbia costituisce una sfida ed una coscienza di un nuovo pensiero, a partire dallo splendido manifesto rosenzweighiano espresso ne La Stella della Redenzione, per giungere al pregnante gioco linguistico di Derrida che nella condizione di jewgreek   rileva la creativa dialettica che passa fra Atene e Gerusalemme, e la legge come un…

0

Scrivere in ebraico a cinque anni

Lo studio esplora il processo di acquisizione della lingua scritta italiana, in bambini piccoli inseriti in un contesto educativo nel quale appaiono anche scritture ebraiche. I risultati mostrano come i bambini sono in grado di differenziare i due sistemi, estendendo le strategie di costruzione della loro prima lingua (italiana) alla scrittura di parole nella seconda…

0

Migrante vs e-migrante. Quel trattino perduto nel mare della ‘coonestà’

“Ormai io interrogo solo là dove vengo interrogato a mia volta. Interrogato dagli uomini, non dagli studiosi, non dalla “scienza”.  [F. Rosenzweig, Lettera a Meinecke] In tempi di crisi, le parole più divisive appaiono dei formidabili ascensori politici nei grattacieli del consenso. Ogni possibile sfumatura linguistica apre nuovi campi di contesa con nuove regole spesso…

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 -  Privacy Policy - Cookie Policy -  Sito realizzato da Fabio Perroni